ROUND 2 WSBK/WSS 2016 – GARE BOLLENTI….NELL’ ESOTICA THAILANDIA.

Condividi

Buriram International Circuit, un vero e proprio stadio e non solo di calcio, con il campionato del mondo superbike il nuovissimo circuito thailandese si è trasformato in un vero e proprio stadio, completo di tifoserie, tamburi, trombe e quant’ altro,a riempire una  tribuna sold out già dal sabato. Go Eleven inizia alla grande, venerdì mattina, Roman mantiene la top 3 per tutto il turno alternandosi al comando della classifica con il campione del mondo Sykes. Al pomeriggio arriva però la sfortuna, un guasto tecnico lo esclude dalla superpole 2 e non gli permette di confermare l’ ottimo lavoro della mattina. Le due gare terminate entrambi in posizioni di prestigio e con un gap sempre ridotto dal vertice evidenziano lo stato di crescita di questo binomio moto-pilota. Christian ha dovuto affrontare diverse sfortune questo fine settimana,diverse vicissitudini non gli hanno permesso di trovare il ritmo giusto per affrontare questa gara nelle posizioni di vertice. Jezek è stato autore di una gara fantastica, facendo sognare gli spettatori e gli ospiti COMI presenti al Burinam International Circuit con una rimonta da cardiopalma. Partito male il venerdì ha lavorato e migliorato progressivamente arrivando a chiudere con il terzo tempo assoluto il warm-up. La top ten è un biscotto amaro per lui, che è gia pronto alla top 5.

Roman Ramos 40  (WSBK race 1; 12th): “Il venerdì mattina abbiamo fatto un fp1 incredibile e sono felicissimo della moto. Nella fp2 abbiamo avuto problemi tecnici e non ci voleva, ma sono contento del lavoro del team perchè ha fatto il massimo. Qui lo scorso anno avevamo faticato molto, quindi questo risultato è importante per noi.”

Roman Ramos 40  (WSBK race 2; 12th): Due dodicesimi sono punti importanti per il campionato, mi dispiace aver perso il gruppetto che lottava per l’ 8 posto, ma la battaglia con Abraham mi ha fatto perdere tempo ed ha fatto risalire Camier. Sono carico per Aragon dove spero in un salto in avanti importante. Grazie a tutto il team ed agli sponsor venuti in circuito a sostenermi.”

Christian Gamarino 11 (WSS; 16th): “è stata una gara molto difficile, abbiamo avuto alcuni problemi tecnici che ci hanno fatto perdere molto tempo. Dopo l’ Australia mi sarei aspettato un’altra gara nelle prime posizioni…ma purtroppo queste sono le gare. Torneremo competitivi ad Aragon!”

Ondrej Jezek  (WSS; 10th): La pista per me era nuova e venerdì ho fatto fatica a prendere i riferimenti, ma poi ho lavorato con la squadra e il sabato ho mancato la superpole 2 per pochissimo. Questa mattina nel warm-up abbiamo migliorato circa 8 decimi rispetto alle prove, sapevo quindi di essere forte per la gara. Sono felice di questo risultato, ora siamo consapevoli che possiamo lottare con i migliori e dalla prossima gara inizieremo a divertirci. Non vedo l’ora di guidare ad Aragon.”

Denis Sacchetti (Team Manager): Non pensavo fossimo così veloci, ma di raccogliere così poco. Abbiamo vissuto un fine settimana di gioie e di incognite che ci hanno rallentato, in primis sulla superbike, dove abbiamo pagato un pò di gioventù della moto, ma i complementi arrivati da diversi fronti ci indicano il buon lavoro che stiamo svolgendo e lo stato di crescita continua in cui siamo, i risultati di entrambe le gare sono ottimi! Aragon sarà la gara di casa di Roman, nulla potrebbe darci più motivazione. Sono molto felice del lavoro che sta svolgendo Jezek, è solo la seconda gara che guida una supersport, abituato ad una ducati stk l’adattamento non è facile, ma lui sta crescendo progressivamente e qui in gara I suoi tempi erano di soli pochi decimi più lenti del podio. Siamo convinti di aver fatto la scelta giusta. Mi dispiace per Gamarino, in Australia aveva mancato il podio per un niente e qui le aspettative erano molto alte, ma alcuni problemi sorti già dal venerdì gli hanno messo i bastoni tra le ruote. Sono certo che dalla prossima gara tornerà al vertice. Prime due gare quindi positive, ora dobbiamo analizzare I nostri punti deboli e preparare le armi per attaccare già da Aragon.”

Team Go Eleven

Chang wss pat dop 993 P. (1)Chang ned box grid 165 P. (1)Chang ned box grid 178 P. (1)AD8P5768 P.