ROMAN CHE GARA! CENTRA LA TOP 10

Condividi

80,379 spettatori, un grande pubblico qui a Buriram, gare caldissime, temperature dei motori sopra i 115 gradi, una giornata di sport entusiasmante per tutto il pubblico e per qualche ospite COMI presente all’evento. Il week end di Go Eleven parte in salità, Roman perde il venerdì provando un nuovo set up, la posizione in griglia è forse la sua peggiore di sempre, ma è sicuro che la nuova strada indicata dal team è quella giusta. In gara 1 raccoglie dati e un porta a casa un punticino, ma nella seconda manche costruisce una gara perfetta e fa suo un bellissimo 9 posto. Gino, anche lui in difficoltà nelle prove entra in superpole 2 con un giro perfetto, in gara complice un problema  elettrico nel giro ricognizione prende un right through per essersi presntato in griglia dopo la safety car e la gara finisce li. Kazuki fa un altro ottimo lavoro, partiva dietro in griglia ma va subito all’attacco gia dalle prime curve fa un ottimo passo gara e supera avversari fino a tagliare il treguardo al 9th posto vincendo la volata su Mulhauser.

 

Roman Ramos 40 (WSBK race 1; 15th):“Il weekend è stato molto difficile fino gara 1. Abiamo fatto tanta fatica a fare il giro veloce e anche di passo non era buono. In gara sono partito bene e riuscivo ad essere più veloce rispetto alle prove, ma ho fatto molti errori e questo mi a portato alla 15 posizione.”
Roman Ramos 40 (WSBK race 2; 9th):“Sono contentissimo di gara 2 perche abbiamo fatto un passo buonissimo, mi sono divertito guidando la moto e ho costantemente recuperato posizioni. Fores era molto vicino, ho fatto il massimo per riuscire a prenderlo ma mi sono mancati 2 giri per poterlo passare. Sono molto contento per il lavoro del team, incredibile! Arriviamo alla gara di casa con un nono posto e carico per Aragon. Grazie mille a tutto il mio team per il lavoro di questo weekend, siamo pronti per il prossimo round.”

Roman 1

Gino Rea 4 (WSS race; rt):“Questo fine settimana è stata dura. Siamo riusciti ad entrare in Superpole 2 e mi sentivo bene con la moto, ma purtroppo i nostri problemi sono iniziati il sabato. All’inizio del giro di ricognizione la mia moto si è spenta, sono riuscito a riavviarla ma non sono riuscito a ripassare la safety car prima della fine del giro. Non c’era nessuna segnalazione per entrare in pit-line e mi sono schierato in grigla. non ho visto nemmeno la segnalazione della penalità e quando me ne sono accorto era roppo tardi. Sarei potuto stare nei primi 8.E’ frustrante non aver ancora preso punti, ne abbiamo bisogno. Ci impegneremo a fondo per migliorare, sono positivo per Aragon..”

 

Gino 2
Kazuki Watanabe (WSS race : 9th):“Fin dal venerdì mattina ho avuto un ottimo ritmo, abbiamo lavorato molto per la gara e l’ostacolo più grande che abbiamo in questo momento è la potenza del motore ai bassi regime, in alto i cavalli non mancano ma ci manca un pò di accelerazione. Purtroppo non riesco ancora a fare a fare il giro veloce per la qualifica e devo lavorare su questo, se riusciamo a partire più avanti possiamo stare con il gruppo di testa. La gara è andata bene, ho fatto un’altra bella rimonta e sono riuscito a conquistare la top 10 proprio sul finale, sono felice di questo risultato. Grazie a tutto il team.”

 

Kazuki 1

 

Denis Sacchetti (Team Manager):La Thailandia per Go Eleven non è mai stata una gara facile, ma quest’ anno ci siamopresi la soddisfazione di entrare in top ten nella sbk, e questo per noi è molto importante.Abbiamo migliorato il tempo totale di gara, la moto cresce bene e siamo fiduciosi per la stagione. Roman è stato bravissimo, oggi sono fiero di lui.Gino non ha avuto certo l’inizio stagione che tutti noi ci aspettavamo, sappiamo di poter lottare li davanti con i primi, ma per diversi motivi e per sfortuna non abbiamo raccolto nulla, il suo campionato inizierà da Aragon.Watanabe ha fatto un’altra gara bellissima, rimontare 10 posizioni in un mondiale così difficile è da lode, pensa se solo riuscisse ad essere veloce anche in superpole! Se parte nelle posizioni davanti può farci divertire davvero.”