TEAM GOELEVEN – PORTIMAO: TRE DI FILA!

Condividi

Gara 2 dallo spettacolare circuito portoghese ha visto il Team Go Eleven riconfermarsi Top Independent team, firmando una doppietta entusiasmante in Portogallo! Terzo parco chiuso di fila, unito a quello di ieri e della domenica di Jerez!

La domenica all’Autodromo do Algarve è iniziata nel migliore dei modi, con Michael Rinaldi velocissimo in condizioni di asfalto fresco nel Warm Up. 1.41.996 e giro veloce del weekend in configurazione gara!

Warm Up:
P 1   T. Razgatlioglu   1.41.616
P 2   J. Rea   + 0.035
P 3   L. Baz   + 0.290

P 5   M. Rinaldi   + 0.380

La Superpole Race è, normalmente, una gara complicata per il Team Go Eleven; in pochi giri non riusciamo ancora ad essere efficaci al cento per cento, sfruttando bene la gomma nuova. Qui a Portimao, però, dopo un contatto nelle prime curve che lo ha relegato in undicesima posizione, Michael è riuscito a rimontare bene e portarsi a ridosso della Honda HRC di Leon Haslam. Bello il duello con l’inglese all’ultimo giro, con il romagnolo che ne esce vittorioso. Un duro ma corretto ingresso alla curva 5 permette a Michael di concludere ottavo, difendendo la terza fila per la gara del pomeriggio.

Superpole Race:
P 1   J. Rea   17’00.623
P 2   T. Razgatlioglu   + 2.946
P 3   L. Baz   + 4.748

P 8   M. Rinaldi   + 13.675

Gara 2, l’atto conclusivo delle due settimane targate WorldSBK, scatta con condizioni diverse rispetto al sabato: asfalto più caldo e vento di media intensità a disturbare i piloti in pista. Rinaldi è reattivo al semaforo verde, difendendo l’ottava posizione con i denti. Fin da subito il feeling con la sua Ducati Panigale non è, però, ottimale e fatica ad affondare gli attacchi sugli avversari. Le condizioni generali del tracciato si mostrano difficili e pericolose, con tanti piloti a terra nei primi giri; da segnalare la caduta di Loris Baz, primo avversario di Go Eleven nella classifica Independent Team. Il 24enne romagnolo sa gestire bene le difficoltà, rimanendo aggrappato agli scarichi di Davies e Bautista, ma senza avere lo spunto necessario per poterli passare. Nonostante la gara complicata il Team Go Eleven porta a casa un altro grande risultato, una sesta posizione che ha il sapore di riconferma al top. Spesso usare la testa, portare a casa moto e risultato è più importante che andare forte. E per la terza gara di fila, primo Team privato al traguardo ed altri 10 punti conquistati. Si conclude così un weekend estremamente positivo e concreto per la formazione piemontese. Adesso un po’ di meritato relax in vista delle due tappe sul circuito di Aragon, 28-29-30 Agosto e 4-5-6 Settembre!

Race 2:
P 1   J. Rea   34’36.949
P 2   S. Redding   + 4.360
P 3   M. Van der Mark   + 4.453

P 6   M. Rinaldi   +12.566 

Michael Rinaldi (Rider):“Il weekend in generale è andato bene, perché abbiamo fatto due volte Top Independent, però sono un po’ deluso dalla gara di oggi perché non sono riuscito ad esprimere il mio potenziale al 100%. Le condizioni della pista erano difficili, sono caduti in tanti, e non avevo un gran feeling, così ho preferito portare a casa il sesto posto. Torniamo a casa soddisfatti, ma con un po’ di amaro in bocca per il podio sfuggito di poco sia a Jerez che a Portimao!!”

Denis Sacchetti (Team Manager):“Siamo contenti ma non soddisfatti! Contenti perché abbiamo vinto la classifica Indipendent Team per la terza volta consecutiva, e perché Michael è stato bravo a gestire una gara difficile, dove abbiamo sofferto un po’ il poco grip in pista. Proprio per questo motivo non siamo riusciti a mettere la candelina sulla torta di questi due week-end, sentiamo l’odore del podio sempre più vicino ma non riusciamo ancora ad agguantarlo. Il team sta lavorando bene, c’è serenità ed armonia, Michael è in gran forma e guardiamo ad Aragon consapevoli delle nostre capacità.”